Giannina Gaslini - Un gesto universale

E' una scultura in ceramica gresmaiolicato collocata nel locale di ingresso e di attesa del D.E.A. dell'Ospedale Pediatrico di Genova G. Gaslini. L'opera dell'artista ci propone una giovane donna, che evoca Giannina Gaslini, la figlia del fondatore deceduta in tenera età che, con le mani protese, invia, da Genova al mondo intero, colombe recanti un messaggio di pace e di umanizzazione. Oikonomoy ha saputo capire e trasfondere nella sua opera lo spirito della missione che il fondatore ha affidato all'istituto ad essa di tutti i gasliniani.

Ero senza alloggio, non cercavo un riparo fatto di pietre, ma un cuore che capisse, riscaldasse, che amasse. 

Madre Teresa

Ogni bambino che nasce è segno che Dio non si è ancora stancato dell'uomo

Le colombe volano dalle spalle nude dei fanciulli - Salvatore Quasimodo

I bambini sono il sorriso di Dio

Presentazione dell'opera da parte del Presidente dell'Istituto Giannina Gaslini Dott. Ugo Serra

Estratto iniziale

L'opera d'arte, semplice ed efficace, é comprensibile a tutti e soprattutto ai bambini che entrando in una moderna struttura sanitaria devono sentirsi subito a loro agio. L'opera simboleggia lo spirito del Gaslini, così sintetizzato dal fondatore Gerolamo Gaslini nel significativo motto: pueris floribusche Lumen Solis. Con l'aiuto di tutti il Gaslini continui ad essere un faro di luce per tutti i bambini che a lui ricorrono...

I bozzetti

Lavorazione

Lettera di ringraziamento del Cardinale Ersilio Tonini

Estratto iniziale

Recentemente ho visitato l'Istituto Gaslini: mi sono recato in alcuni reparti e ho ammirato l'opera scultorea dell'artista Oikonomoy. In essa è rappresentata l'università del messaggio di speranza e di solidarietà di questa istituzione, messaggio che non è solo simbolo metaforico di carità e amore, ma rappresentazione ideale del dono della nascita della figlioletta dei fondatori, ridondato a beneficio dell'infanzia sofferente. Emblematico è, nella scultura, Il gesto della giovinetta che lancia la speranza, simbolizzata nelle colombe, additando a valori sempre più alti. L'opera d'arte, accogliendo tutti, infonderà serenità a quanti accederanno all'istituto Gaslini, del quale mi è rimasto un ricordo sovissimo e pungente, allo stesso tempo. 

Soavissimo perché ci sono dei bambini, con attorno la tenerezza dei genitori, qui i bambini sono visti proprio come tanto oro, oro preziosissimo e l'affetto dei genitori, dei medici e del personale infermieristico, li circonda come fossero dei tesori, delle miniere d'oro, veri re e principi e tutto questo lascia una impressione come se si avesse visto di nuovo ricomparire il mondo dagli inizi, un mondo innocente, dopo che pochi metri più in là, pochi passi, c'è tanta tanta cattiveria ancora, tanta miseria e balordaggine.

Sono anche ricordi pungenti, pensieri che toccano, perché quando si vedono quei papà, grandi e grossi, con il naso appiccicato al vetro a seguire per ore le piccole movenze di quel frustolo di essere che il loro bambino dentro l'incubatrice, ci si accorge, dei loro occhi e dai volti, che è tutto un rompere dentro l'animo di sentimenti di gioia e di tenerezza e nello stesso tempo di strazio: ora ci si rende conto che, per fortuna, la soperchieria, la prepotenza e l'infinità dei delitti umani è compensata da questo amore, casto e puro, che è poi il simbolo della grandezza umana...

  

Inviaci un messaggio